Per i nostri figli, per i nostri nipoti, per la nostra patria.

Cari interessati, amici e borghesi.

 

Questa è la nostra terra, si, propria questa che sta andando in miseria ed è proprio questo quello che dovrebbe attirare l'attenzione di tutti noi.

Di questo avvenimento non si tratta di un caso di sfortuna.

Tante persone sono già state colpite e altre ne saranno colpite successivamente.

La Germania come tutto il resto dell'Europa sta x scontrarsi in un vero e proprio disastro.

L'euro è fallito; i militari si stanno preparando x scontrarsi con la Russia.

La nostra "GIUNTA" ci ha messo in una situazione poco piacevole, una posizione che non si può più controllare facilmente e che si deve guardare con misura di precauzione.

Misura di sicurezza che tocca tutti noi.

Donne e bambini che non hanno più il coraggio di uscire x la paura di subire delle violenze.

Noi non vogliamo più accettare tutto ciò!

Noi non vogliamo lasciare i nostri figli in un futuro disorientato!

Per questo noi vogliamo che il governo federale si dimetta.

Per raggiungere tutto ciò vogliamo organizzare una protesta con movimento verso Berlino.

Un movimento con 50.000 - 500.000 partecipanti e ancora di più.

Noi non vogliamo essere governati, noi vogliamo essere rappresentati

Vogliamo vivere in un paese libero e sicuro, dove i nostri figli potranno aspirare in un futuro migliore, senza violenza, senza guerra, ma con la sincerità e la volontà per l'integrazione.

Abbiamo bisogno dei valori, delle feste senza armatura senza la paura del terrorismo.

Scuole: dove i nostri bambini vengono educati con il valore della religione e contro la violenza.

Accordatevi con noi per legare insieme la dimostrazione " Il movimento".

Deve essere un movimento apartitica, un movimento del popolo libero tra di noi.

Che sia pensionato, funzionario, disoccupato, studente,lavoratore, imprenditore, medico, avvocato, agricoltore, genitore, etc... insomma contiamo su tutti voi.

 

 

Tante persone lavorano da tanto tempi per raggiungere questa destinazione e ora è arrivato il momento per mettere un segno, non si può più andare avanti così.

La cosa importante è che partecipate tutti.